A Spinetta Marengo l’azienda Solvay cerca 40 tecnici di impianto diplomati, anche senza esperienza

ALESSANDRIA – Presente sul territorio di Spinetta Marengo da 20 anni, l’azienda multinazionale Solvay è alla ricerca di 40 tecnici di impianto, diplomati, con o senza esperienza, nelle discipline chimiche, meccaniche, elettriche/elettroniche, informatiche e ai diplomati dei licei scientifici e scientifici tecnologici. Chi desidera candidarsi per lavorare in Solvay può ottenere informazioni inviando il proprio curriculum vitae a spinetta.comunicazione@solvay.com oppure consultando la sezione Lavora con noi del sito www.solvayspinettamarengo.it.

Negli ultimi 13 anni l’occupazione in Solvay a Spinetta è cresciuta di circa il 15% raggiungendo i 660 addetti ai quali si aggiungono altri circa 400 lavoratori da ditte esterne. La popolazione aziendale di Spinetta Marengo è composta prevalentemente da persone che vivono con la loro famiglia ad Alessandria (55%) o nei dintorni (94%). L’età media di chi lavora a Spinetta Marengo è di soli 43 anni con una prevalenza di appartenenti alla “generazione x” (64%) e una discreta quota alla “generazione z” (8%). La presenza femminile si attesta sulle percentuali nazionali del mondo della chimica che è a prevalenza maschile ma il 25% dei quadri di Spinetta Marengo è donna.

Il personale impiegato a Spinetta Marengo, di età media giovane, conta più di 120 laureati e 450 diplomati tecnici coinvolti in programmi di formazione continua con oltre 16mila ore di formazione professionale e quasi 11mila ore per formazione Salute, Sicurezza e Ambiente all’anno.

“L’attenzione e la valorizzazione delle persone che lavorano nel nostro stabilimento di Spinetta Marengo si è concretizzato anche attraverso un accordo siglato lo scorso giugno con tutte le Organizzazioni Sindacali che ha rinnovato il premio di partecipazione e ha introdotto nuovi strumenti di welfare e di responsabilità sociale” commenta Paolo Bessone, responsabile HR del sito. Grazie a questo accordo e agli ottimi risultati ottenuti dal sito nel 2021, il premio di partecipazione ha superato i 3.500 euro, comprensivo del Premio straordinario che il Gruppo Solvay ha riconosciuto per le performance dell’anno di riferimento.

Per Maria Iennaco, Segretaria Provinciale Filctem CGIL “Il dato positivo della consuntivazione del premio di partecipazione 2021 della Solvay di Spinetta mette in evidenza l’importanza di un’ampia e approfondita discussione di secondo livello, che vede oggi la nostra organizzazione soddisfatta del risultato economico raggiunto per le lavoratrici e i lavoratori del sito”.

“Il risultato ottenuto con il premio di partecipazione dello stabilimento Solvay di Spinetta Marengo è un traguardo importante, considerato anche il non facile momento storico che sta vivendo l’industria – dichiara Roberto Marengo, Segretario Provinciale Femca Cisl Alessandria – Un segnale molto importante anche la scelta del Gruppo di aver voluto riconoscere un premio economico”.

“Siamo soddisfatti per il risultato ottenuto sul premio di partecipazione 2021 – aggiunge Gianni Di Gregorio, Segretario Provinciale Uiltec Uil Alessandria –, ci auguriamo che gli investimenti fino ad oggi messi in campo da Solvay possano garantire una crescita nel tempo portando benefici al territorio, crescita occupazionale e riconoscimenti per i lavoratori del sito di Spinetta Marengo”.

Conclude Armando Murella, segretario UGL chimici Alessandria: “Siamo lieti che nonostante il periodo di crisi dovuta dalla pandemia, in un contesto non sempre gestibile, vi sia un’azienda che ha affrontato con attenzione e oculatezza la situazione, salvaguardando lo stipendio dei propri dipendenti senza ricorrere a strumenti come la cassa integrazione. La Solvay quest’anno ha erogato ai propri dipendenti un ottimo premio di partecipazione, al di sopra delle aspettative. In controtendenza, l’azienda non solo sta rendendo performanti le unità produttive, ma sta anche procedendo ad assunzioni, nuove e giovani figure che potranno operare imparando a gestire gli impianti sotto una continua formazione”.