Chi ha vinto la seconda edizione di B Heroes, la serie tv che premia le startup

Enerbrain trionfa nella seconda edizione di B Heroes, la docu-serie in onda su Sky Uno che racconta il mondo dell’innovazione e delle startup in Italia, aggiudicandosi 500 mila euro di investimenti in capitale. Al secondo posto D-Heart, che si aggiudica 300 mila euro, al terzo Mkers, cui vengono assegnati 200 mila euro. Ai piedi del podio, Fessura, che porta a casa 100 mila euro.

Nella puntata finale, girata all’auditorium del Grattacielo di Torino, sede di Intesa Sanpaolo, le quattro finaliste si sono aggiudicate investimenti per 1 milione e 100 mila euro messi a disposizione da Boost Heroes, Intesa Sanpaolo – attraverso il proprio Corporate Venture Capital, Neva Finventures – Gellify e Impact Hub, che hanno creduto fortemente nello sviluppo di queste startup.

Leggi anche: Beato il Paese che non ha bisogno di startuper eroici

Dopo essersi distinta nella categoria “Sviluppo sostenibile” nella decisiva fase di accelerazione del progetto, Enerbrain succede nell’albo d’oro a Wash Out. Nata all’inizio del 2015, Enerbrain ha ideato “una scatoletta intelligente”, che consente di cambiare l’aria all’interno degli edifici chiusi, tagliando così il 30% del consumo energetico. Grazie a un innovativo sistema IoT di sensori, attuatori e algoritmi, è in grado di trasformare gli edifici non residenziali, che sprecano energia, in strutture più intelligenti e sostenibili.

Al timone della società, Filippo Ferraris, che vanta una laurea in architettura al Politecnico di Torino ed esperienze professionali a Londra e New York, oltre alla partecipazione nella realizzazione del Future Food District all’Expo di Milano. Al suo fianco, Giuseppe Giordano, architetto con esperienze in Texas, e Marco Martellacci, fisico esperto di cibernetica.

Nel corso della finale, Valerio Camerano, Ad di A2A, la società che ha accompagnato la “startup ambientalista” nella fase dell’accelerazione, ha dichiarato: “Siamo convinti che aziende come A2A debbano giocare un ruolo fondamentale nel sostenere l’innovazione in Italia e nel proprio territorio, per questo abbiamo sposato da subito il progetto di B Heroes. Abbiamo permesso a Enerbrain di sperimentare nel concreto e di perfezionare il prodotto su casi specifici. La startup si occupa di un tema molto importante per il futuro del pianeta e quindi di tutti noi”.