Cosa ci fanno i pompieri di New York nella laguna di Venezia

La mattina dell’11 settembre 2001, Daniel Nigro era a capo delle operazioni dei vigili del fuoco di New York. Alla fine della giornata, dopo la morte di 343 vigili del fuoco, Nigro era diventato suo malgrado un volto noto, associato al dolore. A notarlo era stato anche Bepi D’Este, commercialista in pensione e personaggio particolarmente attivo sull’isola di Burano.

D’Este insieme ad alcuni dei suoi amici, tra cui un noto ristoratore e l’ex presidente di una compagnia di gondole, vedeva spesso il signor Nigro al notiziario e così ha avuto un idea: “Si vedeva dalle immagini che era triste”, ha spiegato al New York Times. “E allora abbiamo pensato, invitiamolo qui a Venezia per divertirsi. Forse possiamo rallegrarlo”. Così hanno fatto.

Nigro e sua moglie, Lynn, si recarono a Venezia nel settembre 2002, dopo che l’uomo si era dimesso dalla guida del dipartimento al termine di un anno difficile. Alla coppia fu riservato un giro guidato dal leggendario gondoliere Gigi Strighetta. I veneziani salutavano e applaudivano dalle finestre, dai ponti e dalle rive dei canali. All’epoca, il signor Nigro non sapeva che i veneziani fossero così felici per l’apparizione inaspettata dell’amato gondoliere, e non per il capo dei pompieri in pensione. Lo scoprì solo dopo. Nel frattempo continuò la sua vacanza pranzando con il signor D’Este e i suoi amici.

Da uno di quei pranzi venne fuori un’idea: gli uomini decisero che un gruppo di vigili del fuoco – tutti i membri della FDNY Columbia Association, un’organizzazione composta principalmente da pompieri italo-americani – sarebbe venuto per una settimana all’anno ad allenarsi con i veneziani.

Una sorta di scambio culturale coronato da una gara in gondola. Quest’ultima avrebbe avuto luogo il giorno prima della Regata Storica, un importante evento culturale sul Canal Grande a Venezia che si svolge la prima domenica di settembre e celebra, attraverso grandi spettacoli e un’intensa competizione, il significato del canottaggio in città.

Per accogliere i vigili del fuoco di New York, furono reclutati diversi esperti in ospitalità veneziana. Lorenza Lain, un albergatore, si occupò delle camere per i newyorkesi in arrivo, accolti nei migliori hotel della città, tra cui il Belmond Hotel Cipriani. Lain inoltre lavorò con altri albergatori per organizzare cene e gala di beneficenza.

Dal 2003, questo gruppo di albergatori e imprenditori e il signor D’Este, che si definisce il “vero cuore di Venezia”, ​​non solo ha contribuito a finanziare i viaggi per i vigili del fuoco di New York, che si allenano con l’associazione di canottaggio Vogaepara, ma ha anche finanziato borse di studio per i bambini di coloro che sono morti l’11 settembre. L’evento principale è una regata a due barche con squadre miste, formate per correttezza e cameratismo, dei membri dei vigili del fuoco di New York e dei vogatori veneziani.

Tra il 2003 e il 2016, la gara annuale si è svolta sull’isola di Burano, ma nel 2017 la sede si è spostata nell’isola di Murano, più grande e più facile da raggiungere. Quest’anno la regata si è svolta il 31 agosto.

“Incontriamo così tante persone grandi e importanti che ora chiamiamo amici”, ha detto Joseph De Paola, un pompiere del Bronx, alla sua terza volta a Venezia.. “Il tempo in acqua è trascorso sia ad allenarci che a socializzare”, ha continuato. “La formazione è difficile, e molto, e siamo esausti alla fine della giornata, ma siamo pronti per tutto ciò che Bepi e la compagnia hanno in serbo per noi”.