Datajournalism e il lavoro che cambia, il 24 settembre un incontro a Firenze

Il giornalismo è cambiato e sta ancora cambiando, spingendo i giornalisti ad aggiornarsi per acquisire le competenze necessarie per continuare a essere competitivi e consapevoli del proprio ruolo. Una delle frontiere del cambiamento è rappresentata dagli Open data e dal Data Journalism, ovvero dal giornalismo che nasce dall’analisi dei dati con l’obiettivo di estrarre informazioni per poi raccontarle anche attraverso l’uso delle nuove tecnologie. Proprio i dati aperti e il Data Journalism saranno al centro dell’incontro di formazione e divulgazione che si terra’ lunedi’ prossimo, 24 settembre, a partire dalle 9.30 (fino alle 13.30) in Sala d’Arme a Palazzo Vecchio.

Il corso dal titolo ‘Data Journalism, come cambia il lavoro del giornalista con i dati aperti’, si aprirà con i saluti del sindaco Dario Nardella e sarà moderato da Francesco Di Costanzo, presidente dell’associazione PA Social e direttore di cittadiniditwitter.it.

Sei le tematiche che saranno affrontate nel corso della mattinata, alla quale parteciperanno giornalisti, comunicatori, nuove professioni del digitale, dipendenti della pubblica amministrazione e aziende pubbliche che innovano e puntano sulla nuova comunicazione: il primo intervento sarà a cura del giornalista e portavoce del sindaco Nardella Giovanni Carta, che parlerà della città di Firenze e della trasparenza; a seguire sara’ affrontato il tema di ‘Come fare giornalismo con i dati’: interverranno Marco Pratellesi, condirettore Agi, Roberto Bernabo’, vicedirettore de Il Sole 24 Ore con delega allo Sviluppo digitale e multimediale, Marco Renzi, giornalista, presidente Lsdi, co-fondatore e organizzatore di Digit.

Approfondiranno il tema ‘Credibilita’, web reputation, dati. Come fare una buona informazione’ Anna Tononi, esperta di comunicazione statistica dell’Istat, Elio Giulianelli, data architect di Ispra, e Marisandra Lizzi, founder di IPress Live. Il presidente di Cispel Toscana Alfredo De Girolamo spiegherà invece i servizi pubblici open, mentre di ‘Open Toscana’ parlerà Laura Castellani, dirigente del settore Infrastrutture e tecnologie della Regione Toscana. A chiusura della mattinata sarà affrontato il tema dei dati aperti per i giornalisti e delle buone pratiche: ne parleranno Gianluca Vannuccini, dirigente del servizio Sviluppo infrastrutture tecnologiche del Comune di Firenze, Emanuele Geri, responsabile di OpenData Firenze, Fabio Malagnino, giornalista e digital officer del Consiglio regionale del Piemonte, e Andrea Nelson Mauro di OpenData Sicilia.

La partecipazione al corso, organizzato da Comune di Firenze, Cispel Confservizi Toscana, associazione PA Social e Firenze Digitale.