I ‘Bonnie & Clyde’ delle truffe sul web erano in Piemonte

(ANSA) – TORINO, 12 MAG – Erano i ‘Bonnie & Clyde’ delle
truffe telematiche: una giovane coppia che, attraverso il web,
fingeva di vendere I-Phone di ultima generazione e, per sfuggire
alle ricerche, soggiornava per brevi periodi in un albergo dopo
l’altro. A trovarli, nel Canavese, sono stati i carabinieri
della stazione di Strambino (Torino), dove si erano stabiliti in
un bed & breakfast ed erano già in procinto di ripartire. Si
tratta di un trentatreenne originario di Montalto Dora (Torino)
e di una ventinovenne originaria di Podenzana (Massa Carrara),
entrambi senza occupazione. La coppia è stata denunciata.
I due pubblicizzavano la vendita di I-Phone, si facevano
ricaricare le prepagate e poi facevano perdere le loro tracce.
“Vittime” del colpo sono emerse a Tirano (Sondrio), Latina,
Mazzarino (Caltanissetta), Specchia (Lecce), Cremona, Ferrara e
Budrio (Bologna), dove gli acquirenti non sono mai entrati in
possesso dello smartphone.
Fatale è stato il loro ultimo blitz in una tabaccheria di
Strambino: dopo avere ricaricato una carta prepagata, si sono
dileguati fingendo di dover prelevare denaro contante per
versare il relativo compenso al negoziante. Una perquisizione,
svolta di concerto con la procura di Ivrea, ha portato al
recupero di quattro carte prepagate su cui erano state
effettuate ricariche per circa cinquemila euro. (ANSA).