ITALIAONLINE, LAVORATORI ANCORA IN AGITAZIONE

PRESIDIO SOTTO LA SEDE

Dopo mesi di lotta e una nuova trattativa al Ministero dello Sviluppo Economico, i lavoratori di ItaliaOnLine si sono ritrovati nuovamente in presidio contro la procedura di licenziamento nei confronti di 400 lavoratori. Nonostante qualche spiraglio di trattativa giurano che la lotta non si fermerà e rilanciano gli appuntamenti di cortei e presidi nelle strade non solo del capoluogo piemontese, ma in tutt’Italia. La protesta continua anche sui social e on line con l’hastag #1di400.

LA PROTESTA CONTINUA

Negli scorsi mesi l’ex Seat ha aperto la procedura di licenziamento per 400 persone, con contestuale trasferimento di altre 241 dipendenti del marketing ad Assago. Dopo mesi di trattativa l’unica apertura è arrivata sul reintegro di circa 70 persone, da inserire nella Digital Factory in costruzione a Torino da giugno 2018, ma come evidenziano i sindacati l’azienda “continua sulla sua posizione rigida su esuberi e trasferimenti”.

 

“Dal 6 marzo scorso”, spiegano le organizzazioni sindacali, “da tutte le sedi in Italia sono usciti volontariamente 40 dipendenti, cifra che chiediamo vengano sottratti ai 400 esuberi portandoli a 360″. Oltre questo i sindacati auspicano che nella Digital Factory vengano inserite altre 30 unità, arrivano così a 100, e che la formazione” venga gestita dalla Regione”.

 

Sui 241 dipendenti del marketing trasferiti da Torino ad Assago, le organizzazioni sindacali chiedono di posticiparli dal 2018 al 2019. “Coloro che rifiutano lo spostamento”, aggiungono, “devono poter aderire all’esodo incentivato o alla cassa integrazione. Per chi accetta di andare nel milanese Italiaonline si deve impegnare a pagare non uno, ma due anni di abbonamenti di treno”.

 

I lavoratori della sede di Torino hanno proclamato, fino alla data dell’incontro romano del 28 giugno, la mobilitazione permanente.

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*