ROMA: RAPINARONO DUE 15ENNI A VILLA BORGHESE, ARRESTATI CAPI BABY GANG

Roma, 9 nov. – (AdnKronos) – I Carabinieri della Stazione Roma Piazza Farnese, a conclusione di una complessa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni della Capitale, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di sottoposizione alla misura del collocamento in comunità, emessa dal Gip, nei confronti di due 16enni romani, riconosciuti come gli ”attori” principali della baby gang che, lo scorso mese di giugno ha rapinato due loro coetanei, in due episodi diversi, avvenuti a distanza di poche ore, all’interno di villa Borghese. Le due misure di oggi, si aggiungono alle denunce, scattate all’epoca dei fatti, nei confronti dei quattro complici intercettati dai Carabinieri, poche ore dopo la rapina, grazie all’acquisizione delle descrizione fornite dalle due vittime. Nel corso delle indagini, i Carabinieri hanno accertato che, i due 16enni, già con precedenti, oltre ad essere considerati come i ”capi” della ”banda”, sono stati riconosciuti come i più violenti. Infatti nel primo episodio delittuoso, uno dei due 16enni aveva sferrato un pugno al volto della prima vittima, solo perché quest’ultimo gli ha dato le spalle e quindi gli ha mancato di rispetto. Nel secondo episodio, la vittima è stata colpita al volto, perché ha tentennato nel consegnargli lo smartphone. I due arrestati sono stati collocati e affidati in comunità per i minori a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente. (Giz-Rre/AdnKronos)